mercoledì 24 febbraio 2016

2° compiblog di AFRICREATIVA


Sono passati già due anni da quando AFRICREATIVA ha fatto la sua comparsa nella blogsfera! Mi sembra ieri quando ho scritto il primo post!

AFRICREATIVA è nata per condividere con voi le mie due grandi passioni: l'AFRICA e la CREATIVITÀ.
E' nato per parlare dei bimbi malati di cuore della Guinea Bissau e per far conoscere il Progetto con cui cerchiamo di aiutarli.

E' nato per ...

Mi ha portato tanta soddisfazione e mi ha fatto conoscere tante persone splendide.
Persone generose che mi hanno inviato le loro creazioni per i miei mercatini a favore dei bimbi cardiopatici della Guinea Bissau. Persone sensibili che hanno gioito con me quando i bimbi sono guariti e hanno pianto quando, purtroppo, qualcuno di loro è diventato un angelo.
Persone con le quali si è creato un legame speciale nonostante la distanza.
Grazie. Grazie di cuore.

Vi lascio uno dei primi racconti che ho scritto. Parla della mia Africa, naturalmente, e dice qualcosa della mia esperienza come laica missionaria in quella terra.
spero vi piaccia.
NON SONO UNA SCAMORZA, IO!

In famiglia amiamo molto il formaggio: di tutti i tipi!
Le bimbe, però, prediligono la scamorza
Ogni volta che la compro o che le bimbe la nominano, il primo pensiero va sempre a quel pomeriggio in Africa...

Era il 30 ottobre del '92 (la data si è stampata nella mia memoria!): ero arrivata da poco in Guinea Bissau (Africa occidentale) come laica missionaria in un progetto gestito dal Centro Missionario Diocesano di Verona.

Vivevamo in quattro a Cafal, un villaggio nel profondo sud, e ci occupavamo di orticoltura, pesca e magazzini del riso.

Lavoravamo in 13 villaggi e quel giorno, io e Sisto (un ragazzo che era nel progetto già da due anni ed era un incrocio tra Indiana Jones, Rambo ed un orso bruno!!!) dovevamo andare in moto nel villaggio più lontano (ad un'ora circa di distanza).


All'andata nessun problema, nonostante la strada sterrata fosse tutta una buca; al ritorno, però, dopo una ventina di minuti....BUM!!!  scoppia una ruota.


Non era l'epoca del cellulare e non ci eravamo ancora dotati di radio portatili. 

Avvisare a casa perché ci venissero a prendere era impossibile; trovare un altro passaggio pure:  l'auto del progetto era l'unica nel giro di chilometri e chilometri!

Non ci restava che fare come la maggior parte degli abitanti di quel bellissimo continente: tornare a piedi!


Lasciata la moto in un villaggio, decidiamo di tagliare attraverso le "bolagne" (risaie) per abbreviare il cammino (erano già le 16 e il buio sarebbe arrivato presto).


Ci incamminiamo sul sentiero ma ci fermiamo continuamente perché ogni persona che ci incontra ci chiede che fine ha fatto la moto. 


Dopo esserci dissetati ad una fonte (tendenzialmente evitavamo l'acqua dei villaggi per paura delle infezioni ma le borracce ormai erano vuote ed il caldo opprimente), riprendiamo il cammino e ci inoltriamo nella risaia.


Si deve camminare sullo stretto rialzo di terra fangosa che delimita i vari appezzamenti e non è certo un cammino agevole. Sisto mi dice subito di avvisarlo se sono in difficoltà.


" Caspita!" - penso dentro di me - "ma io ho fatto la scout! Sono una dura, non una pappamolle!"


Lo guardo e dico la mitica frase che mi resterà incollata per tutti i due anni e mezzo del mio servizio a Cafal: " NON SONO MICA UNA SCAMORZA IO!!!!


Non l'avessi mai detto! Da quel momento ogni occasione è buona per  ripetermelo! 


Sisto è alto quasi due metri e io poco più di 1,60, quindi potete immaginare l'ampiezza del suo passo rispetto al mio. Ogni volta che restavo indietro  si voltava e, imitando la mia voce, mi diceva: "Tanto io non sono una scamorza!"


L'avrei fulminato! Gli ho chiesto, allora, se era sempre così gentile con le donne e lui ha tirato fuori tutta la solita storia della parità dei sessi ed ha anche aggiunto che era per questo che non aveva la morosa. 

"Ma non mi dire!" - ho pensato io.

Per fortuna, dopo poco, abbiamo incontrato una donna con un carico pesante sulla testa che camminava davanti a Sisto e l'ha costretto a rallentare; sono riuscita a raggiungerlo.


Dopo una mezz'ora abbiamo dovuto scendere nella "lama"(fango) per arrivare sul "rio" (piccolo corso d'acqua) dove una canoa ci avrebbe traghettato dall'altra parte.


Il fango mi arrivava fino alle cosce ed era talmente vischioso che era difficilissimo uscirne.

Per fortuna, attaccandomi agli arbusti lì accanto, ce l'ho fatta a guadagnare la riva sotto lo sguardo sornione di Sisto che ripeteva sotto voce: "Non sono una scamorza, io!"

C'erano alcune donne sulla riva che attendevano la canoa come noi. Non avete idea degli sguardi di compatimento che mi lanciavano! Non so cosa pensassero della parità dei sessi, ma certo, quel giorno, non mi invidiavano!


Dieci minuti in piedi su una canoa traballante, ricavata da un tronco d'albero, e scendiamo dall'altra parte. Anche là una distesa di fango!

Metto giù il piede e si incastra sotto un ramo nascosto.
C'è voluto del bello e del buono per uscirne!! (e tutta da sola, naturalmente!)

Dopo il fango un'altra mezz'ora di risaia e ancora un a sacco di battute sulla scamorza.


Alla fine, dopo 3 ore circa siamo rientrati a casa, sfiniti e ricoperti di fango ma... con la consapevolezza che, a Cafal,  sarei rimasta una SCAMORZA per sempre!!!!



Spero che questo racconto vi sia piaciuto.
Per festeggiare con voi questo traguardo assegnerò un numero a tutti quelli che mi lasceranno un commento ed il prossimo martedì (1 marzo) estrarrò un vincitore al quale invierò questa mia creazione:





Non c'è nessuna regola per partecipare e non è necessario essere mio follower (ma se qualcuno vorrà aggiungersi alla cerchia mi farà piacere, naturalmente!)

Vi chiedo solo, se avete voglia, di mettere nel vostro blog (dove volete) il banner con il link al mio post. Grazie di cuore!

A presto

Maria "la scamorzetta" ;-)))

79 commenti:

  1. Cara Maria, il tuo racconto è molto bello perchè fa capire che le donne sono forti e raggiungono sempre il loro traguardo. Complimenti ed auguri.
    Sono già tua follower. Un saluto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Simo.
      Se non ci fossero le donne... ;-)))
      Un abbraccione
      Maria

      Elimina
  2. Un blog che si occupa con intelligenza e spirito creativo di progetti importanti.
    Complimenti !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Costantino.
      È bello poterli condividere con voi.
      Un abbraccio
      Maria

      Elimina
  3. Che bello leggere storie VERE!!!
    Il tuo deve essere stato un pomeriggio davvero difficoltoso ma l'orgoglio e la possibilità di dire: "ho fatto tutto DA SOLA!!" non ha prezzo!!!
    Bravissima................. Scamorza!!! ^_______^
    Kissssssssssssssssssssssssssssss
    P.S. Ovviamente partecipo molto volentieri e condivido!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Betta.
      Un po' scamorza in effetti mi sono proprio sentita!
      Là ogni giorno era un'avventura!
      Grazie per la condivisione cara.
      Un forte abbraccio
      Maria

      Elimina
  4. Ciao Maria, che bel racconto, è la cosa più bella è sapere che il racconto non è una favola, ma un tuo ricordo di vita. Quei tuoi due anni come missionaria, devono essere stati meravigliosi, ricchi di amore e momenti che ti porterai sempre dentro il tuo cuore. Il tuo blog è bellissimo. Ciao, buona giornata Piny.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Piny.
      Sei gentilissima!
      Sono stati degli anni veramente intensi e arricchenti (e a volte anche molto duri) che mi hanno arricchito molto.
      Un anbraccio
      Maria

      Elimina
  5. Bel racconto, intanto che leggevo mi sembrava di vederti...altro che scamorza!!! Un abbraccio Milly

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Milly.
      Un po' scamorza mi sono sentita in realtà. Facevo la dura ma sotto sotto... Ma l'importante è esserci riuscita e aver vissuto degli anni molto arricchenti.
      Un forte abbraccio
      Maria

      Elimina
  6. Stupendo racconto, cara Maria si immagina di vederti indaffarata, senza un minuto di riposo e sempre sorridente...
    Parlando del 2° anno del tuo blog , io sono sicuro che ne passeranno molti anni e questo blog crescerà sempre di più.
    Ciao e buona giornata cara amica, sempre con un sorriso:)
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie caro Tomaso.
      In effetti da fare ce n'era sempre e non si stava mai "tranquilli". È stata un'esperienza molto arricchente è importante.
      Un forte abbraccio sempre con il sorriso
      Maria

      Elimina
  7. Ciao Maria auguri per il compliblog e di sicuro non sei una scamorza!
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Claudia.
      Magari un po' sì ma l'importante è cercare di nettercela tutta! ;-)))
      Un abbraccio
      Maria

      Elimina
  8. Che storia... Fantastica!
    Ammiro il tuo impegno come missionaria laica, non è semplice e non è da tutti.
    Ci vuole coraggio e forza in tutti i sensi.
    E' bello leggere il tuo blog... riesci a rendere partecipi anche noi della tua passione per gli altri ^_^
    Baci.

    Mel

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Mel, sei sempre gentilissima.
      È una gioia poter condividere con voi questa passione.
      Un forte abbraccio
      Maria

      Elimina
  9. Prima di tutto, complimenti per il racconto, ma soprattutto per l'avventura vissuta!!!
    Cavolo, altro che scamorza!!!! Sei una vera dura!
    Certo che partecipare a queste missioni dev'essere un'esperienza unica! Penso che siano tra quelle esperienze di vita che ti arricchiscono e ti cambiano per sempre, facendoti capire quali sono davvero le cose importanti della vita!
    Questo racconto ha confermato quello che già pensavo: sei una persona splendida!
    Ora veniamo al compliblog......AUGURI!!!!!
    Davvero tanti auguri, che Africreativa cresca sempre più e possa essere sempre più di sostegno al grande e generoso progetto che supporta :-)
    Un abbraccio
    Serena

    p.s. gli orecchini sono carinissimi....complimenti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Serena, sei sempre dolce e gentile.
      È stata proprio un'esperienza che mi ha cambiato la vita. Ed è sempre bello poter rendere partecipi anche gli altri di un'esperienza così bella e arricchente.
      E il blog è nato proprio per questo!
      Sono contenta che ti piacciano gli orecchini. Speriamo sia tu la fortunata! ;-)))
      Un forte abbraccio
      Maria

      Elimina
  10. Ciao Scamorza!!! Scherzo Maria, è davvero un bellissimo racconto di vita vissuta e sono convinta che sei una grande!:)
    Partecipo volentieri e mi sono anche accorta che non mi ero ancora segnata come tua follower e quindi ho rimediato ;) Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Myriam.
      Un po' scamorza lo sono. Faccio la dura ma sotto sotto... ;-)))
      Comunque l'importante è andare sempre avanti!
      Grazie per essere diventata mia follower, mi fa molto piacere.
      Un abbraccio
      Maria

      Elimina
  11. Ja, ja, María, qué bueno tu relato, te imagino en el fango intentando demostrar tu fortaleza!! Debió ser un experiencia maravillosa la que viviste y que tan buenas consecuencias ha llevado a tu vida. Enhorabuena por tu segundo cumpleblog y ya puse el enlace en el mío. Abrazos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Lugia.
      È stata davvero un'avventura quel giorno!
      E gli anni passati in Africa hanno arricchito veramente molto la mia vita .
      Grazie per gli auguri e per aver messo il link nel tuo blog!
      Un forte abbraccio
      Maria

      Elimina
  12. grazie di cuore a te per questo bellissimo racconto...auguri a l tuo blog e complimenti ancora per cio che fai!
    partecipo molto volentieri.....etto il banner,....un abbraccio simona:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te cara Simona che sei sempre presente e gentile!
      Grazie anche per la condivisione del banner!
      Un forte abbraccio
      Maria

      Elimina
  13. Bellissimo racconto Maria, tu sei una forza della natura altro che...scamorza!!
    Tanti auguri al tuo bellissimo blog e un abbraccio!
    Carmen

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Carmen, sei sempre gentilissima!
      Una testarda/orgogliosa più che una forza della natura ma l'importante è non arrendersi giusto? ;-)))
      Un forte abbraccio
      Maria

      Elimina
  14. Cara sorella, sai cosa ho appena mangiato a pranzo? Scamorza!!!!
    Davvero, giuro.... Che ridere!!! =)))
    Comunque, con l'avventura che hai vissuto, credo che tu abbia dimostrato a tutti quanto sei tosta.
    Ovviamente partecipo volentieri alla tua festa e ti auguro di proseguire sempre così.
    Un bacione. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido nel linky delle iniziative in corso. =)
      Dani

      Elimina
    2. Ah, ah, sorella! Proprio la scamorza!
      Altra cosa in comune! ;-)))
      Più che tosta direi testarda, ma l'importante è non arrendersi!
      Grazie per la condivisione!
      Un forte abbraccio
      Maria

      Elimina
  15. Ciao Maria!! Auguri per il tuo 2° Compliblog!!! I tuoi post sono sempre interessanti e fanno riflettere... . Le tue iniziative che porti avanti con coraggio meritano di essere condivise sui Blog...,così potrai conoscere altri sostenitori..., molto belle le creazioni che hai ricevuto!! Un grande abbraccio affettuoso!!
    Carmela e Davide

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissimi. Siete sempre gentilissimi.
      Speriamo di riuscire a far conoscere ancora a tanti le nostre iniziative. Il blog è nato proprio per quello.
      Un forte abbraccio
      Maria

      Elimina
  16. ma non puoi essere una scamorza tu!!! a me la scamorza non piace e tu invece sì ;-))))
    sei un mito Maria altro che scamorza.... allora io a confronto dovrei essere uno stracchino andato a male e non sto a raccontarti i dettagli!
    un bacione e complimenti per il traguardo bloggico! e per tutto quel che fai....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Sinide.
      Dai, uno stracchino andato a male proprio no!
      Ma neppure io sono tanto una dura. Un po' di scamorza mi "scorre nelle vene" ma la testardaggine vince sempre! ;-)))
      Grazie per le tue parole!
      Un forte abbraccio
      Maria

      Elimina
  17. BUON COMPLIBLOG TESORO!!!CHE STORIA INCANTEVOLE, GRAZIE PER AVERLA CONDIVISA!!!BACI SABRY

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te cara Sabry per esserci sempre!
      Un abbraccione
      Maria

      Elimina
  18. Maria, il tuo racconto è davvero bello e significativo. Partecipo molto volentieri ai festeggiamenti del tuo prezioso blog. Appena riesco ad accedere al PC condivido. Ti abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Sabrina, sei sempre dolcissima!
      Grazie anche per la condivisione.
      Un forte abbraccio
      Maria

      Elimina
  19. e nooo dopo questa avventura tu non sei mica una scamorza...anche se la scamorza ha un guscio un po' spesso e poi è morbida dentro eheh!
    baci VAleria

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Allora sono proprio una scamorza cara Vale: faccio la dura ma poi dentro sono morbida morbida! Ma davanti a uomini come Sisto bisogna pur difendersi giusto?;-)))
      Un forte abbraccio
      Maria

      Elimina
  20. Tanti cari auguri per il tuo secondo compi-blog e grazie per questo bel racconto che conferma tutta la tua forza d'animo .....(non avevo dubbi). Allora Africacreativa vanti a tutta!
    Gio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Gio per le tue parole!
      Sempre avanti tutta anche quando mollare sarebbe più facile!
      Un forte abbraccio
      Maria

      Elimina
  21. Non sei una scamorza... ma una roccia! :D Quanta forza c'è in te! .... E forse Sisto con il suo "punzecchiarti" ti ha aiutato a trovarla anche in quella circostanza :D

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione! Con il suo punzecchiare ha tirato fuori la forza che non pensavo di avere.
      Ma un po' scamorza lo sono davvero!;-)))
      Un abbraccio
      Maria

      Elimina
  22. Auguri per il tuo compi-blog !! Dalle tue iniziative e da questo racconto si capisce che sei una persona molto speciale e ce ne vorrebbero tante così come te!!
    Io mi ero aggiunta al tuo blog già da un po' proprio perchè ti ammiro molto!
    Ancora auguri e continua ad essere forte!
    Un bacione
    Francesca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Francesca per queste tue parole così belle.
      Non sono speciale ( sono ancora molto scamorzetta ;-))) ma cerco solo di utilizzare al meglio i doni che Dio mi ha dato.
      Un abbraccione
      Maria

      Elimina
  23. Che meraviglia!!! Un racconto bellissimo, complimenti davvero per tutto, per quello che fai e per quello che sei!!! ^^
    A presto!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Jessica.
      Sei molto dolce.
      Sempre avanti!
      Un abbraccio
      Maria

      Elimina
  24. Forse sarò ripetitiva, ma non riesco a smettere di farti i complimenti per la bella persona che sei cara Maria.
    Un bacione e tanti auguri per il tuo blog.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Manu, tu sei sempre ricca di parole che scaldano il cuore.
      Grazie per gli auguri.
      Un abbraccio
      Maria

      Elimina
  25. Che bella e singolare esperienza di vita, ti ammiro molto e sei simpaticissima :-)
    Ho postato ora riguardo questa tua iniziativa e ti auguro buon compliblog :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Fiore. Sei gentilissima!
      Grazie per la condivisione.
      Un forte abbraccio
      Maria

      Elimina
  26. Un racconto veramente significativo mia cara Maria! Anche io come le tue figlie amo la scamorza perciò che male c'èad esserlo. E' buona, buona, buona!
    Grazie Maria per quello che mi trasmetti, ogni volta che vengo a trovarti.
    Auguri per il 2°compliblog!
    Sara

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Sara.
      Hai proprio ragione: che male c'è ad esserlo un po'!;-)))
      Grazie per le tue dolci parole!
      Un forte abbraccio
      Maria

      Elimina
  27. Simpaticissimo racconto! Tantissimi auguri per il tuo compliblog ma anche per tutto...
    Affettuosamente <3
    Maris

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Maris.
      Sei sempre gentilissima!
      Un forte abbraccio
      Maria

      Elimina
  28. Carissima Maria!!!
    Complimenti per il tuo traguardo bloggistico!!!(si dice???....o ho coniato pure io una nuova parola???...scriverò' pure io all'Accademia della crusca!!!????!!!!!!!!)
    Racconto straordinario...grazie di aver condiviso questa tua avventura Africana con tutte noi....
    Auguri
    Ely64

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Ely.
      Perfetta questa nuova parola (l'Accademia della Crusca approverebbe certamente! ;-)))
      Grazie per essere passata e per le tue parole!
      Un forte abbraccio
      Maria

      Elimina
  29. Molto bello il tuo racconto...sei tosta ;) Bello il tuo blog! A presto ^_^


    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Saray, sei molto gentile.
      Un abbraccio
      Maria

      Elimina
  30. cara Maria auguri per questo bel traguardo e soprattutto per tutte le cose belle che svolgi a favore degli altri.E' sempre una grande gioia e sorpresa leggere delle tue avventure speciali.
    un abbraccio grande
    Elisa

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Elisa.
      Sei gentilissima!
      È bello poterle condividere con voi.
      Un abbraccione
      Maria

      Elimina
  31. è un racconto bellissimo, sembra un film e invece è vita vissuta! gran coraggio, hai tutta la mia ammirazione! lory

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Lory, troppo gentile!
      Vita vissuta a volte difficile ma sempre molto arricchente!
      Un abbraccio
      Maria

      Elimina
  32. Cara Scamorzetta, tanti auguri per il blog e per tutto il resto.<3
    Buona domenica
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Laura.
      Un forte abbraccio e buona domenica anche a te!
      Maria la "scamorzetta" ;-)))

      Elimina
  33. questa storia dimostra quanto tu sia forte e determinata...nulla ti scoraggia e dalle avversità ricavi sempre qualcosa di positivo....sei una forza...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Gloria.
      A volte prevale la dura a volte la "scamorza" ma diciamo che la testardaggine aiuta molto! ;-)))
      Un forte abbraccio
      Maria

      Elimina
  34. Che bel racconto, sei una forza!!! Auguri per il blog!!!!
    MGrazia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara MaryGi.
      Una forza avvolta da tanta scamorza! ;-)))
      Un forte abbraccio
      Maria

      Elimina
  35. Ciao Maria! Auguroni per il tuo secondo anno di Blog, sono convinta che ne festeggerai molti e molti altri ancora, perchè la tua passione è forte e tu sei una persona fantastica!
    Straordinario il tuo racconto, mi ero immersa nella letturacome in un film di Indiana Jones!! Partecipo con piacere e condivido! Un abbraccio di cuore
    Sy

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Silvia.
      Sei gentilissima!
      Anche a me sembrava di essere in un film quel giorno e Sisto, ti assicuro, sembrava veramente Indiana Jones (nel bene e nel male! ;-)))
      Un abbraccione
      Maria

      Elimina
  36. Che bella questa storia Maria! Mi ha emozionato e divertito tantissimo. Ne vien fuori la pasta di cui sei fatta, che non è certo quella filante della scamorza ;-D
    Tanti tanti auguri per il tuo secondo compliblog. E complimenti per questo racconto, che spero non sia l'ultimo! Un abbraccio <3 <3 <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Fabiola.
      Sono proprio contenta che il racconto ti sia piaciuto.
      Ne ho in serbo ancora tanti (sono stati anni veramente "intensi"!)
      Un abbraccione dalla "scamorzetta" Maria ;-)))

      Elimina
  37. troppo bella questa storia, sei una grande Maria!!
    Condivido il tuo banner.
    Bellissimo il tuo premio e tanti auguri al tuo blog!
    A presto Milly

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Milly per le belle parole e per la condivisione.
      Chissà, magari domani gli orecchini saranno tuoi!
      Un forte abbraccio
      Maria

      Elimina
  38. Carissima Maria, mi spiace essere arrivata così in ritardo nel farti i miei auguroni con tanto affetto per il tuo compliblog. In questo periodo Dio mi sta dando del lavoro e ne sono felicissima ma questo mi porta ad esserci meno nel web. Sei e siete nel mio cuore e prego che questo tuo spazio virtuale ti permetta sempre di più di far conoscere la vostra associazione, e che vi arrivino molti moltissimi aiuti per i bimbi che aiutate. Che il Signore benedica sempre il tuo blog, le vostre vite e la vostra missione. Ti abbraccio con tutto il cuore ♥

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie carissima Vivy e non ti preoccupare. Sono molto felice che tu abbia tanto lavoro in questo periodo.
      Ci manchi nel web ma ti stai realizzando e questo mi rende felice.
      Che il Signore benedica sempre anche te e Fabio e vi permetta sempre di essere suoi testimoni come siete ora.
      Un forte abbraccio affettuoso
      Maria

      Elimina
  39. Complimento per questo bellissimo post!

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...