lunedì 23 giugno 2014

(3) Storia di DIAMANTINO (Tò) - PROGETTO BAMBINI CARDIOPATICI

 (2) continua...


Entriamo nel polo chirurgico e saliamo al primo piano. La sala d’attesa è abbastanza gremita ma Tò resta seduto in braccio a me in attesa. C’è uno scatolone pieno di giochi e libretti. Scelgo Mowgli e comincio a tradurlo per lui.

“Un bias, un luvo otcha un menino pichinino na... na... (cavolo come si dice? Ah si!)  na mato...” (un giorno un lupo vide un bimbo piccolo nella foresta)
“Maia, ainda mas, ainda mas!” (Maria ancora, ancora!)
Mi si secca la gola a furia di leggerlo. E che dire della difficoltà nel trovare le parole giuste!
Il mio Kriolo era un po’ arrugginito ma mi accorgo che continuando a parlarlo ritrovo parole e modi di dire da tempo dimenticati.

“Diamantino Prozer” chiama l’infermiera aprendo la porta e posando lo sguardo su di noi. Ci fa entrare nell’ambulatorio dove ci attende Antonia con altri due medici.
“Allora Tò, adesso guardiamo il tuo cuoricino e vediamo come va” gli dice mentre lo siede sul lettino. Traduco le sue parole e Tò si comporta benissimo! Si fa spogliare, non si muove durante l’eco e il cardiogramma e, alla fine, riceve un bel leccalecca.

“Perfetto!” mi illudo. “Sarà una passeggiata portarlo alle visite!”
Non l’avessi mai detto! Le volte successive, tra capricci, corse in corridoio, e agitazione durante gli esami suderò ogni volta sette camicie. Altro che sauna!!!

Le visite, però, non sono ancora finite. Passiamo anche dalla Pediatria dove gli fanno una lastra al petto che conferma che non c’è nessuna infezione ma solo del catarro alto da curare con l’aerosol.
“Adesso dovremmo fargli l’esame del sangue” mi dice l’infermiera ma quando si volta con la siringa in mano, Tò comincia ad urlare e dobbiamo tenerlo fermo in tre.

“E na matan”, E na matan!!!” (mi ammazzano, mi ammazzano!) continua a gridare. Si agita talmente tanto che non riescono a fargli il prelievo. A nulla valgono le mie parole per tranquillizzarlo. Si calma solo quando vede l’infermiera posare la siringa. E’ sudato e trema tutto e grossi lacrimoni gli scendono lungo le guance.

Mi rendo conto che nessuno lo ha preparato a quello che avrebbe fatto in Italia e cerco le parole migliori per spiegargli cos’è una puntura.
Mi vengono in mente le zanzare che tutti ben conoscono in Africa e gli dò un piccolo pizzicotto.
“Non devi avere paura. Se stai calmo e non ti agiti, sentirai solo una piccola puntura  come quelle delle zanzare. L’infermiera farà in un attimo. Te lo assicuro”.
Sembra che riesca a tranquillizzarlo quindi faccio un cenno alle infermiere.
Questa volta ci prova quella più anziana che, dicono, caverebbe il sangue anche da una rapa avvizzita.

Le altre si mettono in posizione per bloccare Tò. Sembra un placcaggio di football, ma... questa volta tutto fila liscio. Lui è orgogliosissimo e non la finisce più di ripetermi “N’ka tchora. Bu odgja, n’ka tchora!” (non ho pianto, hai visto, non ho pianto!)

Lo abbraccio forte forte e gli dico che è stato proprio bravo. Le infermiere arrivano con delle caramelle e lui ne prende subito quattro. 
Quando gli chiedo perchè, mi dice che una è per lui e le altre per le sue sorelle (le mie tre bimbe). Avevo dimenticato come in Guinea mi aveva colpito la generosità della gente, soprattutto dei bambini. Sono abituati a dividere quel poco che hanno con gli altri, sempre. I bimbi sono capaci di dividere una caramella anche in dieci parti pur di darla a tutti i loro fratelli. 
Certo qui abbiamo molto da imparare!

Quando rientriamo a  casa Tò dà il meglio di sé. 
Gli tolgo la giacca e mi volto solo un attimo per appenderla quando lo sento aprire la finestra della cucina e lo ritrovo che si sporge dal davanzale per guardare in giardino i bambini che giocano. In quel momento perdo 10 anni di vita! Abitiamo al secondo piano!

Mi avvicino cautamente per non spaventarlo e lo faccio scendere. Da quel giorno decido che uno di noi non dovrà mai perderlo di vista!

Per distrarlo saliamo da Marco e Matteo (i miei nipoti) con cui gioca a lungo. Mi rendo conto che, per la sua cultura ancora molto maschilista, giocare con delle femmine non è proprio il massimo.
Si diverte talmente tanto che non vuole più andare a dormire nel suo letto e continua a ripetere che vuole dormire a casa loro.
Fabio per farlo calmare lo addormenta abbracciato a lui nel lettone e poi, con delicatezza, lo mette nel suo. Una dolce consuetudine che durerà per tutto il tempo della sua permanenza in Italia.

Linky Party C'e' Crisi

34 commenti:

  1. Cara Maria, sei qualcosa di straordinario.
    Senza tanti preamboli e parole , dico solo che il mondo dovrebbe avere molti come te!!!
    Ciao e buona serata cara amica, oggi ho sentito che è la giornata degli abbracci, io ne ho per te tantissimi.
    Tomaso

    RispondiElimina
  2. Carissimo Tomaso,
    ricevo gli abbracci con vero piacere e ricambio di cuore.
    Ma non sono niente di straordinario, ti assicuro.
    Cerco solo di fare quello che posso per gli altri con le capacità che ho.
    Grazie ancora per le tue parole.
    Un forte abbraccio anche a te
    Maria

    RispondiElimina
  3. Il tuo racconto è meraviglioso!
    Ho letto un po' del progetto bambini cardiopatici e non posso fare altro che complimentarmi con te per il tuo impegno straordinario!!!!
    Tanta ammirazione per l'amore con cui ti dedichi a questi bimbi sfortunati, ma allo stesso tempo molto fortunati ad avere incontrato te nella loro strada!
    Buona vita a te, la tua splendida famiglia e tutti i bimbi che aiuterai :-)
    Serena

    RispondiElimina
  4. Grazie di cuore Serena.
    Ma non merito tante lodi, ti assicuro.
    Ho solo cercato di seguire quella che era la mia vocazione e cercare di aiutare chi era meno fortunato di me usando i talenti che Dio mi ha dato.
    Siete voi che ci appoggiate e ci sostenete a fare la differenza!
    Grazie ancora di cuore ed un abbraccio Maria

    RispondiElimina
  5. Ciao Maria, sono felice di fare la tua conoscenza, complimenti per quello
    che stai facendo per questi bambini.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Hamina.
      Sei molto gentile.
      Un abbraccio Maria

      Elimina
  6. Ospitare un bambino straniero, prendersene cura e aiutarlo è davvero il meglio che avresti potuto fare !Sono davvero contenta di conoscerti e seguirò le vostre vicende !In bocca al lupo a te e al resto della tua generosa famiglia !
    Maddalena

    RispondiElimina
  7. Grazie di cuore Maddalena.
    È stata un 'esperienza molto arricchente.
    Ora qui in Italia c'è Fabiana ( a casa di amici) e a settembre arriveranno altri due bimbi sempre malati di cuore.
    Il progetto prosegue!
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
  8. Sono commossa... Bellissima esperienza..

    Maira

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Maira.
      Bella e coinvolgete!
      Un forte abbraccio Maria

      Elimina
  9. Ciao Maria, mi hai fatto ridere leggendo di come Tò scappava da tutte le parti per fare il prelievo.... a me è successo lo stesso con mia figlia grande quando era piccola; ancora adesso che ha quasi 18 anni e deve fare il prelievo ogni tre mesi, ogni volta è una tragedia... ma almeno non scappa più! =)
    Che bello vedere il magnifico sorriso di quel simpaticissimo bimbo.
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Dani!
      In effetti quella volta ho sudato sette camicie! Devo dire che con le mie (anche la mia piccola fa i prelievi ogni 3/6 mesi) non avevo mai avuto problemi ed ero impreparata.
      Ma da quel giorno è andata meglio, dai!
      Il suo sorriso è veramente magnifico, lui è simpaticissimo ma anche "furbetto" e molto vivace.
      In ospedale lo chiamavano "tremendino"!
      Un grosso abbraccio Maria

      Elimina
  10. Meriti tutto il bene di questo mondo cara Maria...per cio' che fai e per il grande amore con cui lo fai !!! Un grande abbraccio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Mirtilla.
      Sei troppo gentile!
      Non faccio niente di speciale, però, davvero.
      Cerco di usare i talenti che Dio mi ha dato.
      Un forte abbraccio Maria

      Elimina
  11. Non è da tutti. Ti ammiro molto per il coraggio l'entusiasmo l'energia.... e l'amore. ... Ciao Anna <3

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Anna.
      Sei veramente gentile.
      A volte l'energia cala ma ... sempre avanti!
      Un abbraccio Maria

      Elimina
  12. Una storia importante quella che racconti... parla di amore incondizionato <3

    RispondiElimina
  13. Grazie Lieta!
    Credo che l'Amore sia l'unica cosa che può far cambiare il mondo! (anche se non è sempre facile!)
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
  14. Sono felicissima di averti conosciuta...... complimenti, sono commossa!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Simona!
      E' una gioia anche per me averti conosciuto te e le tue buonissime ricette.
      Un abbraccio Maria

      Elimina
  15. Quanta commozione Maria. Sei SPECIALE...le caramelle... un forte abbraccio. Grazie del tuo passaggio al mio blog. NI

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di icore a te Ni.
      Anche tu sei una persona speciale ed è sempre una gioia passare dal tuo blog!
      Un forte abbraccio Maria

      Elimina
  16. Quanto belli sono i tuoi racconti, Maria!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Federica.
      Ma aspettiamo uno dei tuoi che rallegrano sempre le giornate!
      Un forte abbraccio Maria

      Elimina
  17. Una storia commovente e nello stesso tempo bellissima. Che Dio possa benedire il tuo impegno e questi bambini meravigliosi che ne hanno tanto bisogno di cure e di amore !!! Buon proseguimento nel tuo cammino di vita !!! Claudia

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Claudia, sei molto dolce e gentile!
      Che il Signore ci dia sempre la forza e l'aiuto per proseguire questo cammino!
      Un abbraccio Maria

      Elimina
  18. Un bellissimo racconto che mi ha fatto sorridere e riflettere.
    Brava Maria, sei grande!
    Ciao
    Norma

    RispondiElimina
  19. Grazie di cuore Norma.
    Sei molto gentile!
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
  20. Ciao Maria!!!
    Rieccomi :D Mi piace troppo leggere di questi racconti e... vi ha fatto sudare ben bene eh??? Che sguardo vispo e che bel sorriso però! :D Siete stati in gambissima, anche per convincerlo a fare il prelievo!!
    un grande bacione

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie di cuore Vivy!
      Ci sei mancata!
      Ci ha fatto proprio sudare sette camicie!
      Ma con il suo sorriso riusciva a farti tornare serena nonostante le sue monellerie!
      Un forte abbraccio Maria

      Elimina
  21. Ciao Maria, che bel bimbo.. mi ha molto colpito l'episodio delle caramelle…certo abbiamo tutti da imparare dai piccoli!
    Complimenti a te e a tutta la tua famiglia, un abbraccio!!

    RispondiElimina
  22. Grazie di cuore Carmen.
    Tò è proprio un bel bimbo, vivace (molto!) ma anche simpatico e dolce.
    Hai ragione, i piccoli possono insegnarci molto!
    Un abbraccio Maria

    RispondiElimina
  23. Ciao, ti ho trovata attraverso il Linky Party di Alex. Curiosa coincidenza! Proprio ieri sera ho creato un biglietto d'auguri a tema africano! È molto bello quello che fai! Ognuno dovrebbe cercare di aiutare gli altri come può. Sembra una banalità, lo dicono tutti, eppure è così e se lo facessero tutti, ognuno secondo le proprie possibilità, questo nostro mondo andrebbe molto meglio.
    Un abbraccio!

    Mariangela

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Mariangela!
      Sono pienamente d'accordo con te.
      Basta poco ma se ognuno di noi facesse la sua goccia creeremmo un mare!
      Passo a vedere il tuo blog.
      Un abbraccio Maria

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...