Post più recenti

martedì 29 dicembre 2015

SCARPETTE di LANA a crochet / CALZA della BEFANA (con tutorial)

Premetto che da noi  a Verona, in generale, non si festeggia la befana.
E' Santa Lucia che, il 13 dicembre, porta  i regali ed un bel piatto di dolci. 

Quest'idea, però, mi è venuta dopo aver lavorato all'uncinetto delle scarpette di lana per mia figlia che ha sempre i piedi gelati  nelle notti invernali.

Lo schema è della famosa zia che mi aveva insegnato a fare anche il bordo che vi avevo mostrato qui. Mi aveva confezionato queste scarpette tantissimi anni fa e le uso ancora adesso quando il gelo notturno si fa sentire (sono un'amante dell'estate!)
Ve lo propongo sperando di essere abbastanza chiara.

Ho usato circa un gomitolo e mezzo di lana color panna e l'ho lavorata con un uncinetto 4,5 invece del 3,5 indicato, in modo da rendere le scarpette molto morbide.

Ho lavorato 8 quadrati come da schema per ogni scarpetta.



1° giro: Sono partita da 6 catenelle che ho chiuso con un punto bassissimo. Ho lavorato, poi, attorno alle catenelle, 3 catenelle (per sostituire il primo punto alto) 2 punti alti, 3 catenelle, 3 punti alti, 3 catenelle, 3 punti alti, 3 catenelle, altri 3 punti alti e tre catenelle. Ho chiuso il giro con un punto bassissimo.


2° giro: 3 catenelle (per sostituire il primo punto alto), 2 punti alti sopra quelli sottostanti e altri 2 punti alti nelle catenelle sottostanti, 3 catenelle e altri 2 punti alti nelle catenelle sottostanti, 3  punti alti, 2 punti alti nelle catenelle sottostanti, 3 catenelle e altri 2 punti alti nelle catenelle sottostanti ... il tutto fino alla conclusione del giro chiuso con un punto bassissimo

3° giro e seguente: Punti alti sopra quelli sottostanti e 2 punti alti, 3 catenelle e altri 2 punti alti sopra le catenelle sottostanti.

Come si può vedere dal mio schema ogni giro inizia con 3 catenelle che sostituiscono un punto alto e che vengono a trovarsi sempre a metà schema. quando le scarpette sono confezionate non si nota ma, se volete un lavoro più pulito, (su suggerimento di mia sorella Silvia del blog Tocco di LìLLà), potete fare dei piccoli punti bassissimi a ritroso all'inizio di ogni giro in modo da far coincidere il primo "punto alto" (sostituito da 3 catenelle) con il primo punto alto sulle catenelle sottostanti.
Oppure, senza fare i punti a ritroso, "allungare" la prima catenella di ogni giro verso destra e fare tre catenelle (al posto del primo punto alto) ed un punto alto sull'archetto di destra.



Dopo aver preparato 8 quadrati seguendo lo schema (foto 1 e 2), li ho cuciti tra loro con un ago da lana (foto 3).


Li ho cuciti seguendo lo schema (la foto mostra il retro) (foto 4), li ho piegati (foto 5)  e cucito il tallone (foto 6).


Infine ho cucito uno dei quadrati della punta (foto 7) e la punta stessa (foto 8). Ho nascosto tutti i fili della lavorazione quindi ho lavorato il bordo dei quadrati superiori a punto gambero, ho preparato 1 catenella con nappine e l'ho infilata nella scarpetta in modo da poterla legare (foto 9).


Ed ecco il lavoro terminato.


Ma cosa c'entrano le scarpette con la befana, vi chiederete!
C'entrano, c'entrano!

Se cucite anche un sacchetto natalizio, lo infilate nella scarpetta e li cucite tra loro con qualche punto leggero che si possa togliere facilmente ... potete attaccarla al camino e riempirla di prelibatezze.






Una volta passata la befana avrete delle scarpette di lana ed un sacchetto da poter utilizzare!
Che ne dite? Piaciuta l'idea?
E da voi si festeggia la befana?

A presto Maria




28 commenti:

  1. Ciao Maria, conoscevo già lo schema di queste scarpette, l'idea di usarle per la Befana è troppo carina ....bravissima !
    Gio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so chi se lo sia inventato ma è uno schema veramente semplice ma che rende bene.
      E con l'aggiunta di un sacchettino... tre scopi in uno!;-)))
      Un abbraccione
      Maria

      Elimina
  2. Che idea originale, molto carina!
    Anche da noi è S.Lucia che tradizionalmente porta i doni ai bambini e nei giorni prima del 13 dicembre fuori dalla chiesa dedicata alla Santa c'è una fila interminabile di bambini con le letterine da mettere nella cesta!!
    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma dai, non sapevo che la si festeggiasse anche da voi!
      E anche le letterine portate alla Santa. Da noi i bimbi le scrivono e le lasciano sul tavolo.
      Un abbraccione
      Maria

      Elimina
  3. Cara Maria, credo che per te, il tempo che scorre non è mai vuoto!!!
    Ciao e buona giornata cara amica.
    Tomaso

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai proprio ragione caro Tomaso.
      Mai stare con le mani in mano!
      Un forte abbraccio
      Maria

      Elimina
  4. Belle!
    Ciao carissima Maria e tante buone feste ancora :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Tiziana.
      Buone feste ancora anche a te!
      Un abbraccione
      Maria

      Elimina
  5. Le calze della Befana diverse ed originali mi piacciono un sacco. Questa calza è mooOoolto originale.Mi piace!
    Buona giornata ( sono andata fuori tema nel link...dimmi se devo cancellarlo)
    Laura

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Laura.
      Una "rivisitazione " della solita calza!
      Non sei andata fuori tema cara. Le tue superidee vanno sempre bene!
      Un abbraccione
      Maria

      Elimina
  6. Idea carinissima e speciale, a presto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Sabrina.
      Così si riutilizza tutto!
      Un abbraccione
      Maria

      Elimina
  7. Una idea estupenda, gracias por el tutorial. Aquí tenemos la costumbre de celebrar el 6 de enero la Festividad de los Reyes Magos, que nos dejan los regalos a los que se han portado bien y carbón para los que se han portado mal, ja, ja. Abrazos

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Ligia.
      Anche da noi Santa Lucia porta il carbone a chi è stato cattivo.
      Ma è un carbone dolce da mangiare! ;-)))
      Un abbraccio e buone feste
      Maria

      Elimina
  8. Si che mi piace l'idea! Grandiosa: 3 regali in 1: dolci, scarpe e sacchetto. Molto carine le scarpe realizzate in questo modo. Quasi quasi me ne faccio un bel paio. Grazie. Buona serata. Tina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te cara Tina.
      Io le uso sempre d'inverno perché sono una freddolosa.
      Sono anche molto facili da fare.
      Un abbraccione
      Maria

      Elimina
  9. Queste scarpette mi ricorda i tempi quando i miei figli erano piccoli ed io li facevo di tutto e di più, dalle scarpette, cappellini, maglie, pantaloni...... Ora o perso la mano ma erano molto carine le cose, come anche le tue scarpette, complimenti e Buon Anno 2016 !!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Claudia.
      Anche io non facevo più niente da tempo. Ma quando si riprende in mano l'uncinetto poi viene tutto naturale.
      Quando le bimbe erano piccole ho fatto anche io tanti maglioni, bavaglie, cappellini ...
      Poi crescono e si perde il ritmo! ;-)))
      Un abbraccione forte e buon 2016
      Maria

      Elimina
  10. Cavoli che forti! Io non conoscevo lo schema di queste pantofole... potrei riuscirci persino io che non riesco mai a fare la destra e la sinistra simmetriche. Grazie per il chiarissimo tutorial.
    E l'idea di usarle per la calza della befana è super.
    Un abbraccio. =)
    Dani

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Dani.
      Sono veramente facili. ... E belle calde.
      E così è contenta anche la befana (chissà se anche lei ha i piedi freddi! ;-)))
      Un abbraccione
      Maria

      Elimina
  11. Anch'io ho sempre i piedi freddi :D
    Quale migliore occasione che farsene un paio a casa? Anzi mi sa che le frego alla befana :D
    Bella idea.
    Marina

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Povera befana!;-)))
      Uno schema facile facile per delle belle scarpette calde calde!
      Un abbraccio forte
      Maria

      Elimina
  12. ah ah, sorella! magnifica l'idea di abbinare calza e sacchetto!!!
    Per quanto riguarda, invece, il mio suggerimento (grazie per la citazione) i punti bassississimi si fanno in avanti nel primo giro e poi il lavoro procede "tranquillo": riprova, vedrai;-)
    A presto con il post sulle mie scarpette =)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Perfetto sorella, devo provare così allora!
      Grazie della dritta!
      Un abbraccione
      Maria

      Elimina
  13. che bella, bravissima!
    buon anno, un abbraccio
    simona

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara Simona!
      Buon anno anche a te con tanto affetto!
      Un abbraccio
      Maria

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...